Via G. Spadolini, 31 – 47122 Forlì (FC) - Via E. Mattei, 102 – 40138 Bologna (BO)
+39 0543 752374 - +39 051 19936408
info@gendata.it

Perché scegliere i bot Citrix ADC

Perché scegliere i bot Citrix ADC

Perché scegliere i bot Citrix ADC

A volte il traffico web in entrata è composto da bot e la maggior parte delle organizzazioni soffre di attacchi di bot. Le applicazioni Web e mobili sono importanti fattori di guadagno per le aziende e la maggior parte delle aziende è minacciata da attacchi informatici avanzati, come i bot. Un bot è un programma software che esegue automaticamente determinate azioni ripetutamente a una velocità molto più veloce di un essere umano. 

Quali sono le funzioni dei BOT?

I bot possono interagire con le pagine Web, inviare moduli, eseguire azioni, scansionare testi o scaricare contenuti. Possono accedere a video, pubblicare commenti e twittare su piattaforme di social media. Alcuni bot, noti come chatbot, possono tenere conversazioni di base con utenti umani. Un bot che esegue un servizio utile, come il servizio clienti, la chat automatizzata e i crawler dei motori di ricerca, sono buoni robot. Allo stesso tempo, un bot in grado di scaricare contenuti da un sito Web, rubare credenziali utente, contenuti spam, ed eseguire altri tipi di attacchi informatici sono ovviamente, bot dannosi. Con un buon numero di bot dannosi che eseguono attività dannose, è essenziale gestire il traffico dei bot e proteggere le tue applicazioni Web dagli attacchi dei bot. 

Utilizzando la gestione dei bot di Citrix, puoi rilevare il traffico dei bot in entrata e mitigare gli attacchi dei bot per proteggere le tue applicazioni web. La gestione dei bot Citrix aiuta a identificare i bot dannosi e a proteggere l’appliance da attacchi di sicurezza avanzati. Rileva bot buoni e cattivi e identifica se il traffico in entrata è un attacco bot. Utilizzando la gestione dei bot, puoi mitigare gli attacchi e proteggere le tue applicazioni web. puoi rilevare il traffico dei bot in entrata e mitigare gli attacchi dei bot per proteggere le tue applicazioni web. 

La gestione dei bot Citrix identifica i bot dannosi e protegge da attacchi di sicurezza avanzati

Rileva bot buoni e cattivi e identifica se il traffico in entrata è un attacco bot. Utilizzando la gestione dei bot, puoi mitigare gli attacchi e proteggere le tue applicazioni web. puoi rilevare il traffico dei bot in entrata e mitigare gli attacchi dei bot per proteggere le tue applicazioni web. La gestione dei bot Citrix aiuta a identificare i bot dannosi e a proteggere l’appliance da attacchi di sicurezza avanzati. Rileva bot buoni e cattivi e identifica se il traffico in entrata è un attacco bot. Utilizzando la gestione dei bot, puoi mitigare gli attacchi e proteggere le tue applicazioni web.

La gestione dei bot Citrix ADC offre i seguenti vantaggi:

  • Difenditi da bot, script e toolkit . Fornisce l’attenuazione delle minacce in tempo reale utilizzando la difesa basata su firme statiche e il fingerprinting del dispositivo.
  • Neutralizza gli attacchi automatici di base e avanzati . Previene gli attacchi, come DDoS a livello di app, spraying di password, riempimento di password, raschiatori di prezzo e raschiatori di contenuti.
  • Proteggi le tue API e i tuoi investimenti . Protegge le tue API da un uso improprio ingiustificato e protegge gli investimenti nell’infrastruttura dal traffico automatizzato.

Alcuni casi d’uso in cui puoi trarre vantaggio dall’utilizzo del sistema di gestione dei bot Citrix sono:

  • Accesso a forza bruta. Un portale web del governo è costantemente sotto attacco da parte di bot che tentano di forzare gli accessi degli utenti. L’organizzazione ha scoperto l’attacco esaminando i log Web e vedendo utenti specifici selezionati più e più volte con tentativi di accesso rapidi e password incrementate utilizzando un approccio di attacco a dizionario. Per legge, devono proteggere se stessi e i loro utenti. Implementando la gestione dei bot Citrix, possono interrompere l’accesso con la forza bruta utilizzando l’impronta digitale del dispositivo e le tecniche di limitazione della velocità.
  • Blocca i robot dannosi e i robot sconosciuti con impronte digitali del dispositivo. Un’entità web riceve 100.000 visitatori ogni giorno. Devono aggiornare l’impronta sottostante e stanno spendendo una fortuna. In un recente audit, il team ha scoperto che il 40% del traffico proveniva da bot, raschiando contenuti, raccogliendo notizie, controllando i profili degli utenti e altro ancora. Vogliono bloccare questo traffico per proteggere i propri utenti e ridurre i costi di hosting. Utilizzando la gestione dei bot, possono bloccare i bot dannosi noti e rilevare le impronte dei bot sconosciuti che stanno martellando il loro sito. Bloccando questi bot, possono ridurre il traffico dei bot del 90%.

Che cosa fa la gestione dei bot Citrix

La gestione dei bot Citrix aiuta le organizzazioni a proteggere le proprie applicazioni Web e le proprie risorse pubbliche da attacchi di sicurezza avanzati. Quando un traffico in entrata è un bot, il sistema di gestione del bot rileva il tipo di bot, assegna un’azione e genera informazioni dettagliate sul bot, come mostrato nel diagramma seguente.

Come funziona la gestione dei bot di Citrix ADC

Il diagramma seguente mostra come funziona la gestione dei bot di Citrix ADC. Il processo prevede otto tecniche di rilevamento che aiutano a rilevare il traffico in entrata come un bot buono o cattivo. Per impostazione predefinita, i bot validi rilevati dalle firme sono consentiti e quelli non validi rilevati dalle firme vengono eliminati.

  1. Il processo inizia abilitando la funzionalità di gestione del bot sull’appliance.
  2. Quando un client invia una richiesta, l’appliance valuta il traffico utilizzando le regole dei criteri del bot. Se la richiesta in entrata viene identificata come un bot, l’appliance applica un profilo di rilevamento del bot.
  3. È necessario associare il file della firma del bot predefinito o personalizzato al profilo di rilevamento del bot. Il file di firma del bot contiene un elenco di regole di firma del bot per identificare il tipo di bot in entrata.
  4. Le regole di rilevamento dei bot sono disponibili in otto categorie di rilevamento nel file della firma. Le categorie sono elenco consentiti, elenco bloccati, firma statica, reputazione IP, impronta digitale del dispositivo e limitazione della velocità. In base al traffico del bot, il sistema applica una regola di rilevamento al traffico.
  5. Se il traffico del bot in entrata corrisponde a una voce nell’elenco dei bot consentiti, il sistema ignora altre tecniche di rilevamento e l’azione associata registra i dati.
  6. Per le tecniche di rilevamento diverse dall’elenco di bot consentiti, se una richiesta in ingresso corrisponde a una regola configurata, viene applicata l’azione corrispondente. Le azioni possibili sono eliminazione, reindirizzamento, ripristino, mitigazione e registrazione. CAPTCHA è un’azione di mitigazione supportata per le tecniche di reputazione IP, fingerprinting del dispositivo e rilevamento TPS.